Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 118

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 144

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 151

BA 4/2015

Cover 4 15E’ stato spedito il numero 4/2015

Editoriale del presidente nazionale Gen. Sergio Buono

Spero che questa estate, pur caldissima, sia stata per tutti voi serena e rigeneratrice, come augurato anche a nome del consiglio direttivo nazionale nell’ultimo editoriale in prossimità delle vacanze estive. Eccoci quindi all’inizio del nuovo anno sociale che spero possa consolidare quanto conseguito nell’anno appena trascorso. I successi e gli obiettivi raggiunti devono servire da stimolo per il centro e la periferia nel proseguire con passione ed entusiasmo ad operare per la crescita del nostro sodalizio. Molti sono i progetti che metteremo in cantiere nel 2016.

Progetti che mi riprometto di illustrare nel prossimo consiglio direttivo nazionale. A tale scopo, prego i presidenti di sezione e tutti i soci di proporre ai consiglieri nuove idee e iniziative coraggiose ed originali da perseguire. Il nuovo anno porterà con sé uno degli appuntamenti basilari della nostra associazione: il rinnovo delle cariche sociali della presidenza nazionale. Avremo certamente tempo di parlarne. Mi sembra però opportuno, fin d’ora, aprire una serena discussione all’interno delle sezioni per stimolare un convinto e attivo coinvolgimento di tutti i soci. L’esistenza della nostra Associazione ha significato e ragion d’essere se è capace di attrarre ed interessare tutti i soci; non è sufficiente l’impegno straordinario di un piccolo nucleo di addetti animati da entusiasmo e buona volontà, senza il coinvolgimento di tutti. Pensando ai progetti futuri, non posso non trattare l’argomento relativo al calendario 2016 in fase di elaborazione. Già da tempo è stato “svelato” l’argomento e il titolo, contemporaneamente alle modalità di acquisizione da parte dei soci di copie aggiuntive da utilizzare a fine anno come significativi “presenti” per familiari e amici. Tutti ricordiamo il grande successo dello scorso anno e l’inaspettato “sold out” raggiunto appena due giorni dopo la presentazione presso l’Università della Tuscia a Viterbo. Consiglio di ordinare il calendario per tempo anche per consentire alla redazione di stampare le copie necessarie per il soddisfacimento di tutte le richieste. Le procedure per l’effettuazione della prenotazione e le modalità di pagamento ricalcano quelle messe in atto per il 2015. Quest’anno non ci accontenteremo della presentazione organizzata dalla presidenza nazionale: una nuova e impegnativa sfida ci attende: la presentazione del calendario presso i reparti dell’AVES da parte delle sezioni di riferimento. Pensate che ce la faremo? Ora un’occhiata al nostro giornale. Pur abbracciando un intervallo dedicato alle vacanze, questo numero è ricco di notizie riguardanti l’attività del nostro organismo e quella della Specialità, tese a significare soprattutto per noi dell’ANAE la lievitata presenza delle sezioni nel territorio e presso i reparti AVES, nonché la sempre maggiore partecipazione dei soci alla vita delle sezioni. E’ questo l’obiettivo che dobbiamo conseguire con tutte le nostre forze. Con questo numero inizia un altro ambizioso e interessante progetto riguardante la storia dei primi corsi dell’AVES, idea nata non dalla redazione ma dalla collaborazione di nuove preziose “firme” che contribuiranno a dare ancora maggiore lustro al nostro giornale. Si inizia con il racconto dei “momenti” riguardanti il 7° corso piloti dell’anno 1955. Nel prossimo numero, un’altra illustre penna racconterà l’iter formativo e la storia dell’8° corso piloti. Sono convinto che altri soci saranno stimolati a continuare il percorso con il 9°, poi con il 10° e così via, di corso in corso, ripercorrendo, sul filo della memoria dei protagonisti, gli oltre 60 anni della storia della nostra specialità. Concludo pregando tutti a porre particolare attenzione al notiziario che, come da tradizione, chiude il giornale: troverete un lungo elenco di soci che ci hanno lasciato. Il mio pensiero naturalmente va a loro e alle loro famiglie, cui chiedo di non allontanarsi dall’Associazione confermando loro la nostra vicinanza e l’incondizionato supporto.