Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 118

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 144

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 151

11.000 ore di Volo…11.000 Volti

Afghanistan 2

Afghanistan 1Raggiunte 11.000 ore di volo, nuovo traguardo dello Squadrone AH129-D MANGUSTA

Un’esperienza che nel bene e nel male ti lascia sempre l’amaro in bocca, una di quelle che non si potrà mai raccontare se non la si vive sulla propria pelle. Correndo al tramonto rivivi i momenti che ti riempiono il cuore con emozioni ineguali, pensi a quelle persone con cui hai stretto un’amicizia e un legame fortissimo, in pochi mesi, al sorriso e all’allegria di un fratello trovato, ai consigli di grandi piloti, agli amici di sempre con cui hai vissuto mille esperienze e avventure, agli esempi positivi e a quelli negativi. 

Pensi ai voli fatti in un deserto di sabbia, su aride montagne, pensi all’adrenalina che ti scorre nelle vene e senti il tuo respiro, il tempo si ferma all’istante, una goccia di sudore ti scende dal casco e ti solca il viso. Guardi giù e vedi bambini che corrono calciando un pallone o tirando un aquilone e all’improvviso ti ricordi quando l’Afghanistan era tutta un’altra cosa.  11.000 ore fa l’Afghanistan respirava polvere da sparo, il problema dei bambini era trovare un campo dove giocare a pallone senza saltare su una mina. Pensi alle numerose volte che ti sei trovato in una base amica vivendo la dura realtà delle FOB, a quando sfrecciavi nei cieli del “Gulistan” per portare aiuto e speranza. 

Afghanistan 3

Per fortuna l’Afghanistan ora è diverso. Ora è un fiore che sta aspettando la primavera per sbocciare, una terra dalle mille risorse ed un popolo fiero e orgoglioso che cerca solo di ritrovare la propria identità senza scontro tra culture e religioni; c’è ancora molto da fare, ma con un pizzico di orgoglio, 11.000 ore hanno portato a tutto ciò. L’impegno, l’amore, il sacrificio e la passione per il volo degli uomini che dedicano la propria vita al tricolore, all’Italia, al “MANGUSTA” ci permettono oggi, di vedere i bambini afgani giocare e sorridere.

Ora ricordi tutti i volti dei militari dell’elicottero “MANGUSTA” che hai visto in questi lunghi anni e che difficilmente vedrai ancora, ma porterai sempre nel cuore insieme a tutte le loro esperienze ed emozioni… e la malinconia ti assale volando verso un altro tramonto.

Cap. Pierpaolo Cecconi