1964 Come diventai pilota di elicotteri dell’AVES

di Pietro Verna

Giugno 1964. Oderzo (TV), III gruppo missili, comandato dal magg. Serpe. Come al solito un giorno alla settimana il comandante si recava a Portogruaro, sede del comando del 3° reggimento missili, per il consueto rapporto di tutti i comandanti di gruppo e delle unità alle dipendenze, tenuto dal comandante del reggimento stesso.

Nell’attesa dell’inizio del rapporto, il maggiore Serpe chiacchierava del più e del meno con l’aiutante maggiore del reggimento. Ad un certo punto la sua attenzione viene attirata da una lettera pronta per la firma del comandante.

E qui scatta l’orgoglio del comandante di gruppo e dell’ “attento pilota”.

Vi chiederete perché: la lettera consiste in una risposta negativa alla richiesta delle superiori autorità relativa alla segnalazione per l’ammissione al corso di piloti di elicottero di tenenti effettivi con periodo di comando già effettuato.

Il maggiore Serpe, con la lettera in mano, entra dal colonnello comandante ed esprime tutto il suo disappunto perché al III gruppo quella lettera non è mai arrivata e, quindi, la risposta negativa si configura come un “abuso”. Va detto che in quel periodo i comandanti erano restii a simili richieste; privarsi di un tenente era considerata una vera “perdita”!

A quel punto si registra sia la sorpresa che l’imbarazzo del comandante con l’ordine conseguente all’aiutante maggiore di soprassedere, in attesa della risposta dei vari gruppi. Immediata telefonata del maggiore serpe all’aiutante maggiore del gruppo: “… al mio ritorno voglio nel mio ufficio gli ufficiali che hanno le caratteristiche per partecipare al corso piloti”.

Nel pomeriggio quattro timorosi tenenti (Scalone, Palombella, Castellani e Verna) sono al cospetto del comandante il quale illustra la lettera e aggiunge: “Chi vuole, può presentare la domanda”.

Il tenente Castellani ed io aderiamo alla richiesta.

Dopo un mese siamo chiamati all’Istituto medico legale di Milano per la rituale visita: solo io risulto idoneo.

Dopo poco arriva la lettera di convocazione alla scuola AM di volo per elicotteri di Frosinone e… così inizia la mia “vita da pilota di elicotteri”.

Grazie, maggiore Serpe!