Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 118

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 144

Notice: Trying to get property of non-object in /web/htdocs/www.anae.it/home/wp-content/plugins/wordpress-seo/frontend/schema/class-schema-person.php on line 151

40° anniversario del “Rigel”

Rigel40 1

30 settembre 2016 Casarsa (PN)

“Una grande famiglia che, con il terremoto del 1976, ha rinsaldato ancor più il vincolo con questa terra e l’intero Friuli Venezia Giulia”. Così il vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello ha definito il 5° Reggimento “Rigel” dell’Aviazione Leggera dell’Esercito in occasione delle celebrazioni del 40° anniversario della sua costituzione.

Alla cerimonia erano presenti il comandante del Reggimento, col. Stefano Angioni, il gen. Maurizio De Stefani in rappresentanza del presidente della Sezione ANAE “Rigel” col. Andrea Santarossa, nonché i sindaci dei Comuni di Casarsa e zone limitrofe.

Rigel40 3

“I baschi azzurri – ha detto Bolzonello – ci hanno sempre dato una grande emozione perché loro sono, prima di tutto, una grande famiglia. La vita di queste persone si è intrecciata nel tempo con la popolazione del luogo, creando così un legame indissolubile”.

Rigel40 2

Quindi il vicepresidente della Regione FVG ha voluto sottolineare il fatto che il Rigel, con i suoi 40 anni di vita, non possa non essere profondamente legato con una pagina della storia di questa nostra regione. “L’anniversario del reggimento si intreccia con quello di una ricorrenza che ha cambiato profondamente il Friuli Venezia Giulia. Nel 1976, a pochi mesi si distanza dalla costituzione del 5° Reggimento a Casarsa, il terremoto stravolse la nostra terra. Il vincolo tra il sisma e il Rigel è qualcosa che nessuno potrà mai slegare; subito dopo la disperazione partì la ricostruzione, alla quale contribuirono anche gli elicotteri di Casarsa”.

In conclusione della cerimonia, i cieli di Casarsa sono stati sorvolati dalla replica di uno Spad S XIII, velivolo pilotato durante la guerra da Francesco Baracca, Medaglia d’Oro al Valor militare, al quale è intitolata la locale aviosuperficie. Infine sulla pista è anche atterrata una squadra di  AH 129 C.