Esercito, a Torino il 197° corso “Tenacia”

Torino, 1 settembre 2017. Sono 118 i sottotenenti giunti oggi alla Scuola di Applicazione dell’Esercito al termine del biennio di studi presso l’Accademia Militare di Modena. Provenienti da tutte le regioni italiane, con una equa distribuzione fra nord, centro, sud e isole, i giovani ufficiali resteranno a Torino per i tre anni necessari a conseguire la laurea specialistica in Scienze Strategiche. Fra di loro otto donne e cinque militari stranieri appartenenti alle forze armate dell’Afghanistan, del Perù e della Somalia. Freschi di nomina, destinati a ricoprire posizioni chiave nelle unità dell’Esercito e nei diversi organismi della Difesa, gli ufficiali del 197° “Tenacia” seguiranno lo stesso percorso didattico dei 200 studenti civili iscritti a Scienze Strategiche. Cinque gli orientamenti previsti da un corso di laurea frutto della consolidata collaborazione fra Esercito e Università: politiche organizzative, sistemi gestionali, comunicazioni, logistica, indirizzo economico – amministrativo. Obiettivo comune della Scuola di Applicazione dell’Esercito e della Struttura Universitaria Interdipartimentale di Scienze Strategiche (SUISS) è formare professionisti militari e civili in grado di affrontare e risolvere situazioni complesse nell’ambito di crisi e conflitti, in scenari nazionali e internazionali. I principali punti di forza di questo innovativo percorso accademico sono l’internazionalizzazione degli studi ottenuta attraverso mirati soggiorni all’estero e l’osmosi culturale fra mondo militare, accademico, scientifico, imprenditoriale e della comunicazione. Il Comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito generale di corpo d’armata Claudio Berto ha esortato i sottotenenti del 197° “Tenacia” «ad intraprendere con entusiasmo e impegno un cammino difficile, ma decisivo per il loro futuro di cittadini e di comandanti».

Tenente Colonnello Marcello Marzani