La Muscarà generosa nell’emergenza sociale

Una triste realtà sta piegando oltre 2200 famiglie di Viterbo e di alcuni comuni limitrofi. Le famiglie sono assistite da una struttura caritativa che in applicazione alle disposizioni della Comunità europea, per fornire loro aiuti alimentari e di vestiario deve assicurarsi che il loro reddito annuo, attestato dall’indicatore della situazione economica equivalente – ISEE non superi i 5000 euro, somma già insufficiente che purtroppo, a partire dal 2018, sarà ulteriormente abbassata a 3000 euro.

La Sezione Muscarà per tale emergenza ha ricevuto un invito dal proprio socio Maurizio Pinna, operatore volontario del Banco Alimentare Regina Pacis Onlus, attivandosi immediatamente per organizzare, tra i soci, una raccolta di alimenti e indumenti.

Il lusinghiero risultato raggiunto grazie alla generosità dei colleghi, è stato così descritto nella lettera del Presidente della struttura caritativa, Don Tino Alberto Crudo: “l’Associazione Nazionale Aviazione dell’Esercito ha profuso il miglior impegno possibile in occasione della raccolta di materiale destinato alle famiglie viterbesi indigenti, producendo risultati di rilievo, offrendo un concreto aiuto a chi versa in difficilissime, ma forse è più esatto dire impossibili, condizioni economiche. Vogliate gradire, pertanto, il mio più vivo ringraziamento per la preziosità del lavoro svolto, con preghiera di estenderlo a quanti, nella vostra nobile Associazione, hanno generosamente  risposto all’appello con lo slancio tipico dei corpi militari. Sperando di proseguire su questo cammino con altri gesti di carità e umana sensibilità, vogliate gradire un affettuoso ringraziamento e un saluto a nome mio personale, della struttura che presiedo e, soprattutto, a nome dei beneficiari della bontà che nella Sezione Muscarà avete dimostrato”.