Visite alla Sala Museale

Proseguono numerose le visite alla Sala Museale AVES, a testimonianza dell’interesse che stanno suscitando le rinnovate esposizioni presso la struttura viterbese co-gestita dai baschi azzurri dell’ANAE, diamo quindi uno sguardo dal punto di vista associativo alle varie attività svolte.

Si è iniziato, nel primo pomeriggio del 5 giugno con la visita della Società Sportiva dilettantistica “Blu Star” di Viterbo. Tale attività, parte di un accordo di collaborazione tra il Comando AVES e la Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare, ha dato l’opportunità a tutti gli atleti di “categoria ragazzi”, dopo aver ultimato gli la parte ludico-sportiva avvenuta nella mattinata, di visitare accompagnati da istruttori e familiari, le varie zone del museo che raccontano la storia della nostra specialità.

La visita, con l’ausilio tecnico delle guide Ma.Ca. Castaldo e dei soci ANAE Lgt. Cionfi e Lgt. Mazzarani, ha generato grande entusiasmo ed appassionato coinvolgimento tra i ragazzi che hanno, in particolare, preso d’assalto tutti gli aeromobili in mostra statica.  La giornata si è conclusa con la consegna delle medaglie sportive agli atleti, predisposta dalla Società Sportiva, da parte dei rappresentanti di COMAVES, il Col. Cercolani e il Magg. Zauri, avvenuta in una bellissima cornice scenografica con sfondo l’elicottero Mangusta A129.

Dai “ragazzi ai veterani”, in data 9 maggio, la Sala Museale AVES, ha invece ospitato un gruppo di ”Veterani di Italair”, formato da personale pilota, specialista e dai famigliari del compianto Col. Di Gion, che con il coordinamento del Ten. Col. Cretella attuale Presidente della Sezione Anae “Ramacci “di Orio al Serio ed accolti dal Direttore della Sala Museale hanno potuto visionare i cimeli e materiali in esposizione, iniziando da due filmati illustrativi proiettati nella nuova sala briefing: sulle origini dell’AVES e sulle capacità di volo degli attuali aeromobili in dotazione.

Vivo apprezzamento per le tematiche rappresentate nella descrizione dell’evoluzione della nostra specialità e foto ricordo finale, dopo che il rappresentante più “anziano” del gruppo  …. Col. Giovanni Tonicchi ha con orgoglio siglato l’albo d’onore del museo.

L’11 giugno, dopo la prima esperienza effettuata dalla sezione Muscarà, anche un nutrito gruppo di soci ANAE e relativi famigliari della Sezione ANAE “Tucano” di Roma, guidati dal Presidente Col. Francesco Bellucci, ha potuto visitare la struttura viterbese. Inizio del percorso dall’aula briefing, guidati con passione attraverso i filmati sulla storia della specialità e sulle recenti attività di volo, dal commento del Magg. Dragonetti con caloroso applauso finale. Successivamente i visitatori hanno iniziato il percorso tra le varie sale espositive accompagnati dai soci ANAE Lgt. Giovanni Cionfi, Lgt. Arturo Foglietto e Lgt. Camillo De Nicola.

Un po’ di commozione e tanti ricordi guardando i Piper L18 e L21, aeromobili anche del gruppo di volo “Tucano” erede delle originarie Sezioni Aerei Leggeri (SAL) che nel lontano 1956 si erano costituite presso l’aeroporto dell’Urbe di Roma, dalla cui fusione nacque nel 1963 il Reparto Aerei Leggeri (RAL) per poi assumere nel 1976la denominazione di 28° Gr. Sqd. ALE Tucano.

Anche la sala dedicata ai simulatori di volo e tabelloni addestrativi/manutentivi ha mostrato particolare interesse e stupore in quanto ha illustrato le didattiche di impiego di piloti e specialisti nei tempi passati.

La firma finale sull’albo d’onore da parte del Magg. Gen. Caleca (ex C.te di Comando Materiali AVES) ha rappresentato un momento “simbolico” per tutti i baschi azzurri presenti, cosi come estremamente toccante e significativo è stato il dono alla Sala Museale del Col Livio Correani, a nome della intera Sezione ANAE “Tucano”, una rara e preziosa stampa ricevuta nel lontano 1971 dall’allora Contessa Maria Fede Caproni di Taliedo raffigurante gli stemmi delle Squadriglie di volo che hanno partecipato al conflitto della  1° Guerra Mondiale.

Salvatore Petrarchi, Direttore della Sala Museale